Il cliente ha sempre ragione (e sempre più potere)

Ho da poco cominciato a leggere un libro che mi sta facendo venire un sacco di idee e mi sta portando a compiere molte riflessione in merito al web, al marketing e soprattutto all’evoluzione di alcuni fenomeni sociali. Il libro in questione si chiama The thank you economy di Gary Vaynerchuk e lo consiglio a tutti. Leggendo questo libro e riflettendo sugli esempi che l’autore descrive per motivare le proprie posizioni mi rendo sempre più conto di quanto il web stia via via diventando un mezzo fondamentale per le vendite e soprattutto per influenzare le opinioni dei potenziali clienti. A questo proposito trovo che questo schema, trovato sul blog di Stefano Vitta, sia perfetto per esemplificare l’evoluzione storico-sociale dei processi di consumo.

Insomma questa Post-consumer era, contrariamente a quello che vorrebbero farci credere le paternali da nonno postbellico (questi giovani che stanno tutto il giorno davanti al computer e non si parlano neanche più, ai miei tempi giocavamo a pallone in strada), sembrerebbe ci stia reindirizzando verso scelte di consumo più morigerate e soprattutto maggiormente caratterizzate da effettivi rapporti sociali (anche se virtuali). Stiamo ritornando ad una dimensione in cui l’opinione delle persone conta più della pubblicità nel momento in cui siamo chiamati a compiere un acquisto.
Proprio basandomi su questa considerazione ho deciso di iniziare una serie di post in cui recensirò e darò la mia opinione, basata sempre sulla mia personale esperienza, in merito ad alcuni siti, e visto l’argomento del blog comincerò (e probabilmente finirò) con piattaforme e-commerce che si occupano della vendita di libri sia digitali che cartacei.
L’opinione degli altri conta molto e spero che le mie recensioni possano tornare utili  a futuri clienti del settore che andrò a recensire. Io personalmente ricerco sempre cosa si pensa online dei servizi di cui vorrei usufruire e le esperienze degli altri spesso determinano le mie scelte in materia di acquisti.
Dopotutto, l’unica arma che noi clienti possiamo brandire contro chi vuole venderci un servizio è la diffusione delle proprie esperienze, positive o negative che siano, ed il web ci fornisce il miglior campo di battaglia che potessimo desiderare. Inoltre penso che chi offre ottimi servizi e svolge al meglio il proprio lavoro meriti una ricompensa, per quanto piccola possa essere, e allo stesso modo chi lavora male, senza attenzione verso il cliente, merita che le proprie mancanze vengano urlate ai quattro venti con la speranza di arrecare il massimo danno possibile in termini di perdita di clientela e di danno d’immagine.

About these ads
Questa voce è stata pubblicata in Opinioni e contrassegnata con , , , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...